<

NOTIZIE




VIII MEMORIAL "FRANCO AUCI", 10 APRILE 2017. "FACCIAMOLO CONOSCERE AI GIOVANI"

I premio: Antonio Iannazzo, V F “G. B. Amico” 
II premio: Alessandro De Santis, IV D “S. Calvino” 
III premio: Marta Fonte, I F “G. B. Amico” 
Premio speciale: Dario Lentini, V D “S. Calvino” (la figura del giornalista tratteggiata in un sogno tra memoria e presente). 

Ecco i premiati dell’ottava edizione del memorial intitolato a Franco Auci. 
Mattinata piena e intensa nel suo ricordo. 
Grandissima partecipazione di studenti, parenti, amici, giornalisti, ospiti, tra i quali anche una classe della scuola media “A. De Stefano”. 
Molto gradita la presenza di Anne Marie Collart Morace, che ha invitato gli studenti alla prossima partita interna del Trapani Calcio. 
I vincitori sono stati intervistati da Nicola Conforti, Nicola Rinaudo e Giuseppe Cassisa. 
Un grazie di cuore alla Dirigente Margherita Ciotta, agli studenti, agli amici giornalisti, nonché alla classe IV G.I.T.T. dell’Istituto “G. B. Amico”, che sotto la guida dell’insegnante Caterina Mangiaracina ha realizzato un video – proiettato a sorpresa con molto successo – in omaggio alla figura del giornalista sportivo trapanese. 
Un’ideale stretta di mano a tutti gli intervenuti, dando loro appuntamento al prossimo memorial! 
Ciao Franco. 
La tua famiglia. 
Ina, Giuseppe, Rino e Mariangela

INTERVISTA AI VINCITORI DELL' VIII MEMORIAL FRANCO AUCI DEL 10 APRILE 2017

Nella pagina multimedia-audio l'intervista di Nicola Conforti, Nicola Rinaudo e Giuseppe Cassisa ai vincitori dell'VIII MEMORIAL Franco Auci.

SERVIZIO DI TELESUD DI STEFANIA RENDA DEL 10 APRILE 2017.VIII Memorial Franco Auci

Servizio di Telesud sull'VIII Memorial Franco Auci. Visita la Sezione video

Omaggio a Franco Auci da parte dell' I.T.T. 'G.B. Amico' IV G. indirizzo Grafica e Comunicazione

Visita la Sezione video per visualizzare l'omaggio multimediale a cura degli studenti.

IN MOSTRA 22 CARTOLINE ILLUSTRATE DALLA COLLEZIONE DI FRANCO AUCI

In occasione della Settimana Santa 2017 il Circolo Filatelico e Numismatico "Nino Rinaudo" e l'Oratorio Salesiano di Trapani dedicano una sezione della consueta mostra pasquale alla collezione di cartoline sportive di Franco Auci.
La mostra si potrà visitare dal pomeriggio del 12 aprile alla mattina del 15 presso il Palazzo Riccio di S. Gioacchino, in via Turretta, nel centro storico di Trapani.
La selezione di cartoline illustrate offre le storiche immagini di alcuni stadi di calcio italiani e stranieri dal 1954 (Stadio dei Centomila a Roma) al 1994 (The Georgia Dome, Atlanta, Stati Uniti d'America).
Introduce la collezione una cartolina con l'immagine di Nicolò Carosio (1907-1984), che attraverso la radio fu celebre voce narrante delle partite di calcio.
Ringraziamo il Circolo "Nino Rinaudo" e Biagio Gucciardi per l'ospitalità offerta alla collezione di Auci.
 

VIII MEMORIAL "FRANCO AUCI"

Domenica 19 marzo 2017 alle ore 10.30, nella Parrocchia "Maria SS. Ausiliatrice" (Via Fardella), durante la S. Messa Mons. Antonino Adragna ricorderà Franco Auci, ad 8 anni dalla sua scomparsa.
Lunedì 10 aprile, nel centro storico di Trapani, presso l'aula magna dell'Istituto Superiore "S. Calvino" (via San Michele 2), avrà luogo alle ore 10,30 l'VIII memorial dedicato al giornalista trapanese. 
"Per non dimenticare", continuiamo a farlo conoscere ai giovani con un'altra giornata speciale, insieme agli studenti (degli istituti S. Calvino, G.B. Amico, I.P.S.I.A.) e agli amici giornalisti, attraverso interventi, ricordi e premiazione dei migliori elaborati sul tema : "Il tifo di ieri e di oggi..." assegnato dagli organizzatori : Peppe Cassisa, Claudia Parrinello, Francesco e Nicola Rinaudo.
Sarà anche proiettato un breve video-racconto con alcune delle tappe più importanti della vita di Franco Auci.
Vi aspettiamo! 

NUOVE IMMAGINI DI SPORT...

Dopo la già ricchissima Fotogallery Calcio, s'inaugura una nuova pagina del nostro sito, con foto dedicate a tutti gli altri sport amati e raccontati da Franco Auci, a cominciare dal basket... Visita FOTOGALLERY ALTRI SPORT.

FRANCESCO LA COMMARE RICORDA FRANCO AUCI

Sabato 20 agosto 2016, presso il Circolo del Tennis di Trapani, Flora Restivo e Marco Scalabrino hanno presentato il libro "Sal'e Zucca", del poeta trapanese Francesco La Commare. La serata è stata aperta ricordando Franco Auci, grande amico di La Commare, che ha letto con commozione una poesia a lui dedicata. Tra gli ospiti presenti, anche tanti ex giocatori di calcio e basket. Ringraziamo Francesco La Commare per il bel ricordo di Franco. Nella rassegna stampa pubblichiamo un articolo sulla serata, a firma Salvatore Puccio. Un grazie anche a tutta la famiglia Mastai per avermi parlato di Franco con tanto, tanto affetto. 

FOTO GALLERY SPORT: UNA NUOVA PAGINA NEL NOSTRO SITO!

Visitate la nostra nuova pagina, FOTOGALLERY CALCIO, che accoglierà molte foto tratte dall'Archivio Auci, alcune in attesa di eventuali riconoscimenti e didascalie.

MONTE ERICE: "ALBO D'ORO 1954-1989" e "CURIOSITÀ"...


Due note sulla "Monte Erice" (potete leggerle in pdf), conservate con cura da Franco Auci, che ci fanno ritornare indietro nel tempo. Non sappiamo se le abbia ricevute dagli Enti Patrocinatori o sia stato lui stesso a scriverle; comunque ci fa piacere condividerle: sono "L'albo d'oro 1954-1989" e le "Curiosità", con piccole interessanti notizie sulla storica gara automobilistica,che di solito si disputava tra maggio e giugno. Inoltre, nella pagina degli articoli, troverete altri scritti di Franco dedicati alla "Monte Erice". 

"LA SUA CHIAZZA"...

L'ultimo "pezzo" di Ciccio Auci datato 15 marzo 2009 riferito all' ex mercato del pesce di Trapani, "la sua chiazza".

BUON COMPLEANNO, CARA VECCHIA SCHEDINA!

La schedina totocalcio compie 70 anni... 

INTERVISTA AI VINCITORI DEL " VII MEMORIAL FRANCO AUCI "

NELLA PAGINA MULTIMEDIA -AUDIO L' INTERVISTA DI NICOLA CONFORTI E NICOLA RINAUDO AI VINCITORI DEL " VII MEMORIAL FRANCO AUCI ".

"MEMORIAL 5 APRILE 2016"

VII Memorial “Franco Auci”
Il 5 aprile del 2016, nell’aula magna del liceo classico e scientifico in via Turretta a Trapani, si è svolta un’intensa, emozionante mattinata in ricordo del giornalista sportivo, a sette anni dalla sua scomparsa.
Desideriamo ringraziare di cuore tutti coloro che hanno partecipato e collaborato, con le idee, gli interventi e la presenza: il dirigente scolastico Filippo De Vincenzi, per la gentilissima ospitalità, la prof.ssa Rosanna Poma per la preziosa disponibilità, gli appassionati studenti, che sono stati protagonisti con i loro racconti scritti (veri esercizi di cronaca sportiva) della partita interna contro il Livorno, cui hanno potuto assistere grazie alla disponibilità del Trapani Calcio.
Il primo premio è andato ad Asja Tipa della 4°D, il secondo premio a Salvatore Incaviglia della 4°I, il terzo ad Alessia Morante della 4°D (tutti del Liceo scientifico), mentre la menzione speciale è andata a Marco Gramignano della 4°A del Liceo classico, scuola che frequentò anche Franco.
Un grazie agli amici giornalisti che hanno contribuito in maniera sincera e spontanea all’organizzazione e alla riuscita dell’incontro: Franco Cammarasana, Peppe Cassisa, Nicola Conforti, Giacomo Di Girolamo, Claudia Parrinello, Francesco Rinaudo, Nicola Rinaudo.

Un pensiero va anche a tutti i giornalisti della carta stampata che hanno scritto e quindi divulgato la notizia del "Memorial" diffondendo così sempre di più il patrimonio storico - sportivo e non che Franco Auci ha lasciato alla città di Trapani.

È stato anche proiettato un video che racconta in quattordici minuti la vita e l’opera di Franco Auci, a cura della famiglia e di Peppe Triolo e si è parlato del libro: "IL TRAPANI IN SCHEDINA" per festeggiare appunto il compleanno della schedina che vide la luce il 5 maggio 1946.
Ciao Franco,
con affetto Ina, Giuseppe, Rino e Mariangela


IL TRAPANI IN SCHEDINA

Conclusa la mostra pasquale del Circolo filatelico "Nino Rinaudo", con una sezione dedicata al "Trapani in schedina" (dall'archivio Auci). Per saperne di più, vai alla pagina eventi e premi.

VII MEMORIAL "FRANCO AUCI"

"Facciamolo conoscere ai giovani": così scriveva Peppe Cassisa su Extra, nell'aprile del 2009; con questo proposito nel cuore, infatti, stiamo preparando una giornata speciale per ricordare Franco. Nel centro storico di Trapani, presso la sede del liceo scientifico "V. Fardella" in via Turretta, il 5 aprile 2016 avrà luogo alle ore 11 il VII memorial "Franco Auci": studenti e giornalisti prenderanno parte attiva a questo evento. Un'occasione per raccontare tutti insieme qualcosa della vita e della passione sportiva di Ciccio, a sette anni dalla sua scomparsa. L'incontro sarà pubblico e vi invitiamo a partecipare numerosi, portando il vostro contributo.

Per concludere ricordiamo a tutti gli amici di Franco che domenica 3 aprile '16 alle ore 10.30, nella parrocchia "Maria SS. Ausiliatrice" Mons. Antonino Adragna ricorderà Franco nella S. Messa.

IL TRAPANI IN SCHEDINA....IN MOSTRA 20 SCHEDINE CON FOTO DALLA COLLEZIONE DI FRANCO AUCI.

In occasione del settantesimo anniversario della prima schedina totocalcio (che vide la luce il 5 maggio 1946), il Circolo Filatelico e Numismatico "Nino Rinaudo", dal 23 marzo al 26 marzo 2016 c/o la Chiesa del Carmine, ubicata nel centro storico di Trapani, dedica una sezione della sua mostra pasquale alla collezione di schedine del giornalista trapanese Franco Auci. (1942-2009).
Il Trapani fu inserito per la prima volta nella schedina durante la stagione '53-'54, ma Franco inaugurò la sua collezione solo nel 1971: le venti schedine originali scelte per questa mostra vanno dunque dal '73 al '78, ad eccezione del concorso del 5 febbraio 1961 e sono accompagnate dalle foto (anch'esse attinte all'archivio Auci) di alcuni calciatori granata che giocarono in quelle partite.
Franco spese ore nelle biblioteche nazionali di Firenze e Milano per verificare ogni singola schedina mancante alla sua collezione, spulciando quotidiani e periodici e sovente scontrandosi con l'irreperibilità delle fonti (a Firenze, dopo l'alluvione del '66, erano perduti alcuni mesi tra il '47 e il '48).
Frutto di quelle ricerche fu il TRAPANI IN SCHEDINA (anch'esso in mostra), volume che raccoglie ed illustra ogni presenza della squadra granata e che, oltre ad offrire un raro piacere agli appassionati, permette di gettare uno sguardo originale e trasversale su un pezzo della storia del Trapani: tanto più oggi, appunto, per festeggiare il compleanno della schedina...
Siamo assai grati al Circolo "Nino Rinaudo" e all'amico Biagio Gucciardi per questa generosa ospitalità.
              
                                                                                                 Ina Auci

I PLAY-OFF DEL TRAPANI E LE PARTITE DI FRANCO...

Nella pagina IMMAGINI i biglietti di alcune partite viste da Franco negli anni '90: una, amarissima per il Trapani alle soglie della B, la vide dalla gradinata ovest di uno stadio umbro...

I MINUTI DEL TRAPANI... Due tabellini dispersi

Nella pagina VARIE due tabellini con i minuti giocati dai calciatori del Trapani durante la stagione '98-99, la penultima raccontata nella Storia del Trapani di Franco Auci.

UNA LETTERA DI PADRE AGOSTINO PAPPALARDO...

...da Napoli, ai tempi del colera (in testimonianze)


Non solo calcio...

Non solo calcio... ma ritrovati anche antichi ricordi della "Monte Erice" che ci fa piacere condividere con i lettori di questo sito (li potete trovare nella pagina delle immagini).

Memorie sportive di Spagna '82

Nella pagina delle immagini

I gagliardetti che Franco amava collezionare...

Una carrellata nella pagina delle immagini.

I SETTANT'ANNI DEL CENTRO SPORTIVO ITALIANO

Sabato 4 luglio 2015 presso l'aula consiliare del Comune di Castellammare del Golfo, il Centro Sportivo Italiano - Comitato Provinciale di Trapani -, per festeggiare i suoi settant’anni di vita, ha presentato la pubblicazione Una storia oltre lo sport a Trapani (1945-2015). Numerosi i relatori, tra cui il presidente del CSI trapanese Rosario Muro, che ringraziamo, il sindaco di Castellammare Nicolò Coppola e il giornalista Enzo Biondo, curatore del volume; interessante il filmato sulla storia del CSI di Trapani. Parole di stima e di affetto sono state rivolte anche a Franco Auci, per il ruolo svolto nel CSI a partire dagli anni '60: oltre che fedele tesserato, giudice di gara e delegato provinciale della FIDAL, nonché addetto stampa e segretario provinciale... Nell'occasione è stata consegnata una targa alla sorella del giornalista, Ina, "per aver condiviso la nostra storia"; e vogliamo poi ricordare che proprio a Franco Auci il CSI aveva assegnato in memoria, nel 2009, il Discobolo d'oro al merito (vai alla pagina eventi e premi).
Leggi anche, nella pagina dicono di lui - testimonianze - il pensiero di Enzo Biondo dedicato a Franco.

LA MOSTRA "TRAPANI, SPORT E CIMELI"

Nel cinquantesimo anniversario  della sua fondazione, il Panathlon Club di Trapani ha promosso la mostra "Trapani, sport e cimeli", da giugno a luglio 2015 presso  il museo "Agostino Pepoli", dedicata alle memorie sportive del nostro territorio, con reperti, fotografie, francobolli e molto altro. Fra i "cimeli" sono stati esposti anche tanti preziosi "ricordi" provenienti dall'archivio di Franco Auci: ringraziamo tutti gli organizzatori, ed in particolare la curatrice della sezione dei cimeli sportivi, Silvana Basciano, per aver accolto e ospitato la collezione di Franco, frutto della sua passione sportiva di tanti anni. È stata una mostra che di certo l'avrebbe affascinato.            

UN MISSIONARIO IN THAILANDIA..........

Leggi nella pagina -dicono di lui- "testimonianze" una lettera indirizzata a Franco da P. Carlo Ramondetta dalla lontana Thailandia.

AGENDA TRAPANI

AGENDA TRAPANI, datata 10/12/2000, dedicata agli anni 1946-1947-1948, quando il Trapani si chiamava ancora DREPANUM.
La potete trovare qui!


TANTE MEMORIE EMOZIONANTI DALL'ARCHIVIO DI FRANCO AUCI...

Ritrovati, nell'archivio di Franco, medaglie, cartoline, portachiavi, tutto materiale sportivo; pezzi che ci fanno tornare indietro negli anni.
Tra tutti mi ha emozionato la piccola targa dell'inaugurazione dello stadio polisportivo, anno 1960, ed una piccola spilla del 1946 (Fed. Italiana Pallavolo).
I visitatori del sito possono visionarli nella pagina multimedia-immagini in attesa che altri ne vengano inseriti.


UN COMPLEANNO SPECIALE IN UNA TERRA SPECIALE...

Clicca qui per vedere il video

Clicca qui per vedere le foto

VI MEMORIAL "FRANCO AUCI", 2015

Venerdì 27 marzo 2015 si è concluso il VI memorial “Franco Auci” presso il CONI, messo gentilmente a disposizione, come ogni anno, da Salvatore Castelli.
Ringraziamo, oltre all’UNVS con il suo presidente, anche Mons. Antonino Adragna, Peppuccio Passalacqua e tutti coloro che lo hanno reso possibile, gli studenti, i poeti, gli amici intervenuti.
Il premio speciale allo sport è stato assegnato a Pietro Basciano, presidente della Pallacanestro Trapani, e al presidente provinciale del CSI di Trapani Rosario Muro che, commosso, ha ricordato Franco leggendo alcuni articoli scritti dal giornalista nei primi anni di attività dello sportivo Muro, quando giocava a pallacanestro con la Juvenilia Trapani.
Un grazie sincero a tutti i giornalisti (Franco Cammarasana, Peppe Cassisa, Giacomo Di Girolamo, Claudia Parrinello, Nicola Rinaudo), che hanno contribuito con le loro parole sincere a ricordare l’uomo Auci in tutte le sue sfaccettature.
Un ringraziamento particolare a Gaetano Foresta, amico di Franco dai tempi dell’adolescenza al Cuore di Gesù, che è venuto da Milano per assistere al memorial. 
Franco Cammarasana ha ricordato ai presenti che Franco è sempre con noi attraverso la lettura del suo sito web.
Quest’anno ho voluto ricordare, nella presentazione del libretto dedicato al VI premio letterario “Franco Auci” (che potete leggere qui), l’intitolazione della sala stampa dello stadio al giornalista trapanese.
Il mio pensiero infatti è andato al 27 marzo 2010, quando è stata posta la targa allo stadio provinciale alla presenza delle autorità e degli amici che in silenzio avevano lavorato alla realizzazione di questo progetto: come ha detto Giacomo Di Girolamo, con questa targa anche Franco Auci è sempre presente nell’area stampa in serie B. 

Ina Auci


IL TRAPANI DALLA A ALLA Z...

Dedicato "a quanti, in ogni tempo, hanno fatto la storia del Trapani Calcio", Il Trapani dalla A alla Z  è un "registro" - in ordine alfabetico - dei calciatori che hanno militato nella squadra granata, con dati anagrafici, ruolo di gioco, presenze in campionato e coppa Italia, reti etc. Franco Auci vi lavorò fino agl'inizi del 2009, ma il nucleo essenziale rimonta probabilmente agli anni '80, poiché l'ultima stagione contemplata è l'83-84; la prima ci porta invece al dopoguerra: il '46-47, quando il Trapani si chiamava Drepanum... Molte schede, purtroppo, sono rimaste incompiute, spesso con la sola indicazione dei nomi, in attesa di quelle ricerche per le quali non ci fu mai abbastanza tempo...   

ALEO, CAMPIONE DEL MONDO...

L'11 dicembre 2014 i Veterani Sportivi di Trapani hanno consegnato a Giuseppe Aleo (classe 1936) il premio "Atleta dell'anno", per la sua straordinaria carriera sportiva, culminata quasi cinquant'anni fa col titolo di campione mondiale di tiro al piccione. Leggi l'articolo che allora Franco Auci dedicò alla sua impresa.  


50 ANNI DELLA POLISPORTIVA ENTELLO ERICE, "TRA MITO E STORIA"...

Il 19 settembre '64 nasceva la società "Polisportiva Entello Erice". In questi giorni ricorre quindi il 50° anno dalla sua fondazione, e il 20 settembre scorso la categoria della pallavolo (Polisportiva Dilettanti) ha festeggiato questo mezzo secolo di vita presso la palestra "Pino Cardella". A noi, familiari di Auci, piace ricordare che il 31 ottobre 2007, nel ristorante "Belvedere San Nicola" di Erice, il nostro Ciccio presentava, in mezzo a tantissimi protagonisti del tempo passato e non, la sua pubblicazione "Entello tra mito e storia" (della collana Per non dimenticare), dedicata alla società calcistica ericina dalla nascita, appunto nel '64, fino all'ultimo campionato di promozione ('72-73); quella presentazione è ora nella pagina Video del nostro sito. Guarda pure la foto - con torta! - nella pagina delle immagini

LEGGI LE ULTIME CURIOSITA'...

Nella pagina VARIE tante piccole curiosità...

FULVIO CASTALDI E FRANCO AUCI...

Come ha scritto Girolamo Marchello su Alè Trapani il 16 aprile '88, "Fulvio merita di essere collocato nell'olimpo calcistico"... Fra i testi inediti troverai le primissime pagine di una biografia che Auci aveva in cantiere, ma che non arrivò a scrivere: quella, appunto, dell'amico Fulvio Castaldi.

Alle origini della storia del Trapani Calcio...

...il primo "abbozzo" della grande opera di Franco Auci.
"Una ricerca avviata sul finire degli anni Cinquanta e che già nel corso della stagione 1994-95 sfociò in una schematica "Storia del Trapani" approntata per il periodico Alè Granata, sulle cui pagine venne pubblicata a puntate."
Così Franco Auci presentava dieci anni dopo, in quarta di copertina, il primo volume (2005) della sua grande "Storia del Trapani", consegnandola al "Cuore Granata" (con le presenze dei giocatori impiegati per ogni stagione, le reti messe a segno, e per ciascuna partita sono ricordati data, risultato e marcatori fino al 1999-2000).
Ora, nella pagina dei Libri, vi proponiamo anche quella prima, schematica versione degli anni '90, quella "prova generale" pubblicata su Alè Granata dal settembre '94 al maggio '95, in sedici puntate che lo stesso autore poi rilegò in un quaderno personale dalla copertina granata.


VIDEO DI UNA SERATA AL CLUB GUARRATO...

Il 17 ottobre del 2008, al Club Guarrato, Franco Auci raccontava un Marsala-Trapani e una Coppa Italia di cinquant'anni prima... Guarda il video.

V PREMIO LETTERARIO "FRANCO AUCI"

Concluso il "memorial" del marzo 2014 - a cinque anni dalla scomparsa di Franco Auci -, ringraziamo di cuore tutti coloro che lo hanno reso possibile: i Veterani dello Sport, Salvatore Castelli, i "grandi e piccini" che hanno partecipato al premio, la commissione che ha "giudicato" i loro testi e disegni, i tanti amici intervenuti; un grazie speciale a Monsignor Antonino Adragna, che ha celebrato la messa per Franco.

I PREMI DI FRANCO...

In Eventi e Premi, una carrellata su alcuni dei tanti riconoscimenti che costellano la carriera di Franco: targhe, attestati, medaglie... Tutte memorie del suo fervore sportivo, tracce vitali lasciate nelle menti e nei cuori di chi lo ha conosciuto, o con lui ha collaborato.

UNA FESTA DELLA JUVENILIA, 1966...

Guarda il video di un'allegra festa per la Juvenilia, nel novembre del '66, con due giovanissimi protagonisti: don Antonino Adragna e Franco Auci...

FRANCO AUCI NEL NUOVO SITO DEL TRAPANI CLUB VERONA

I link ai libri di Franco Auci - e le foto delle formazioni granata negli anni - pubblicati nel nuovo sito del Trapani Club Verona, di cui è presidente Beppino Tartaro: www.trapaniclubvr.it. Ringraziamo di cuore il Club scaligero per l'ospitalità, augurando il meglio al suo giovane sito!

GLI ARTICOLI DI FRANCO IN RETE

Prosegue, nella pagina "Articoli" (suddivisa in lustri), la carrellata di testi sportivi - commenti, cronache, interviste etc. -pubblicati da Franco sui molti giornali con cui collaborò, fin dai primi anni '60: grazie alla sorella Ina, che instancabilmente li va ripescando nei "faldoni" d'archivio, perché possiate condividerli in rete. 

JUVENILIA 1954-2004, CINQUANT'ANNI... E LA STORIA CONTINUA: IL VIDEO CON LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO, GIUGNO 2004


CHIARPOTTO E DINTORNI: IL VIDEO CON LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO

22 dicembre 2001: il video con la toccante presentazione della biografia "Chiarpotto e dintorni", alla presenza dell'autore, Franco Auci, e del protagonista, Bartolomeo Chiarpotto, grande portiere del Trapani e maestro di calcio e di sport per tanti ragazzi trapanesi...

PALLONCINI GRANATA IN VOLO PER FRANCO AUCI...

La sera di sabato 25 maggio Trapani, con una grande festa in piazza, ha celebrato la promozione in B, per la prima volta nella storia, della sua squadra di calcio, incontrando i giocatori e tutti coloro che hanno reso possibile quest'impresa. Per noi un momento particolarmente toccante è stato quando il direttore generale del Trapani Calcio, Anne Marie Collart Morace, ha lasciato volare al cielo alcuni palloncini granata, dedicandoli a Franco Auci, come aveva promesso - se il sogno si fosse avverato... - pochi mesi fa, in occasione del suo intervento al IV memorial intitolato al giornalista trapanese. Un grazie di cuore alla signora Anne Marie per il suo gesto lieve e delicato, che ha reso anche Franco partecipe della festa, nell'aria e nel vento di quei palloncini, quasi a "risarcirlo" di un capitolo mancante nella sua Storia del Trapani: quello più gioioso, che sempre avrebbe voluto scrivere e mai gli fu possibile.

Ina Auci
 
(Un grazie a Stanislao Savalli per la foto)

IL TRAPANI IN SERIE B !!! UN PENSIERO PER FRANCO...

Al "Cuore Granata"

12.05.2013 : il Trapani è in serie B. 
Franco Auci quattro anni fa ci lasciava : non ce l'ha fatta a vedere realizzato questo sogno, questo traguardo storico.
Al "Cuore Granata" ha regalato una storia straordinaria, la storia del Trapani Calcio.
Questo amore inizia in lui nella seconda metà degli anni '40, da un balcone vicino Torre di Ligny dove era nato ed abitava : da quel balcone seguiva le partite di calcio di alcuni ragazzini, e per la prima volta sentì il nome del portiere "Mombelli".
Il "mio Trapani", come ha scritto lui, non l'ha lasciato più, l'ha visto nascere, l'ha visto crescere, l'ha visto fermarsi, e ha pianto per la mancata promozione in serie B del 1961, sogno svanito a Chieti.
Piange ancora nella stagione 1962-63 contro il Potenza, quando il Trapani a metà aprile era ancora una volta costretto a riporre il grande sogno della scalata in B nel cassetto.
Altre lacrime nel 1995; nel suo racconto si dice: rivedo il sogno della B che ancora svaniva nel crudele pomeriggio di Gualdo Tadino. 
Altro pianto nel 2012, ma lui non era più con noi.
Oggi sicuramente da lassù sorride, piange e gioisce per il "suo cuore granata".
Auguri alla città di Trapani per questa storica promozione, e soprattutto un pensiero per tutti coloro che non ci sono più, ma che come Franco hanno sognato, hanno gioito, hanno pianto per la serie B. 
E grazie, infine, agli amici che hanno sentito il bisogno di chiamarci in questi giorni, per condividere il loro commosso pensiero volato a Franco subito dopo la bella notizia.   

Ina Auci


IL VIDEO DI "POLISPORTIVA ENTELLO", 1964-73

Erice, 31 ottobre 2007 "Belvedere S. Nicola":
guarda il video della storica rimpatriata che ricorda i primi 10 anni della Polisportiva Entello Erice, dalla fondazione (1964) al suo ultimo campionato di promozione (1972-1973).
Quella sera, Franco Auci, regista della rimpatriata, presentò il suo libro: "Entello tra mito e storia".

IV MEMORIAL "FRANCO AUCI"

Leggi i testi del IV Premio letterario "Franco Auci"

***

Concluse le giornate dedicate al quarto anniversario della scomparsa di Franco Auci, ringraziamo tutti coloro che le hanno rese possibili o valorizzate con preziosi contributi: i Veterani Sportivi, i "pulcini" delle scuole di calcio che si sono sfidati nel torneo, studenti ed insegnanti, vincitori e partecipanti del premio, la giuria, il pubblico, fotografi e giornalisti  (tra i quali Giacomo Di Girolamo - Giornale di Sicilia - e Francesco Rinaudo - Extra -), il CONI per l'ospitalità... Guarda le foto!


IL VIDEO DI "TRAPANI AMORE MIO"

Cinquant'anni di sport: guarda il video della storica rimpatriata che nel giugno 2003 riportò a Trapani generazioni di sportivi da tutt'Italia: un sogno concepito e tradotto in reltà da Franco Auci, che nel momento più emozionante rievoca ad uno ad uno giocatori, allenatori, presidenti e protagonisti scomparsi...


E' MORTO A GENOVA MARIO RITONDO

Il 7 dicembre del 2012 è morto a Genova l'atleta trapanese Mario Ritondo (nato nel 1911), che nel '38 "La Palestra", il periodico dei fratelli Oddo, definiva "il miglior velocista puro che abbia avuto la nostra città ed uno dei migliori del meridione". Di lui Franco Auci scrisse a più riprese: dalla storia dell'atletica leggera trapanese (in particolare nel capitolo dedicato ai "Ludi Juveniles") fino all'inedito Un addio allo sport, del 2009, dove racconta l'emozione d'aver appena scoperto Ritondo "tuttora in vita in quel di Genova". Altro ancora potete leggere, naturalmente, nell'autobiografia di Giovanni Cesare Oddo, "Ricordi della mia vita", curata da Auci e pubblicata postuma nel 2012. E nella pagina che sulla rivista Extra Nicola Rinaudo ha dedicato all'atleta scomparso. 

 


GLI ARTICOLI DI FRANCO AUCI

 

S'inaugura, nella pagina "Articoli", una lunga carrellata di testi sportivi - commenti cronache interviste... -pubblicati da Franco sui molti giornali con cui collaborò, fin dai primi anni '60


STORIA DELLA STAMPA SPORTIVA TRAPANESE...


Leggi il testo che Franco Auci scrisse per il convegno del 1987 "Cento anni di giornali a Trapani"


UN'ALTRA B SFIORATA...

 

Rileggi, nella pagina degli articoli,  il racconto di "Alè Granata" (I e II parte, 11 dicembre 1982), in cui Franco Auci rievoca un'altra B sfiorata dal Trapani, stagione '62-63...

***


INCHIESTE E RACCONTI...

 

Leggi, nella pagina dei racconti, due testi di Franco Auci dedicati allo sport trapanese: il primo, del 2009, è una veloce "carrellata" sui momenti di gloria, come contemplandoli per l'ultima volta; l'altro è un racconto del "suo" Trapani, dal colpo di fulmine alla passione, all'amore di tutta una vita... Inoltre, nella pagina degli Articoli, un'inchiesta sullo sport a Trapani, pubblicata negli anni '60 a cura del CSI.

 ***


PRESENTATA L'ULTIMA OPERA INEDITA CURATA DAL GIORNALISTA E DATA ALLE STAMPE DALLA SUA FAMIGLIA: L'AUTOBIOGRAFIA DEL GRANDE ATLETA TRAPANESE GIOVANNI CESARE ODDO

L'ultima opera a cura di Franco Auci (che non fece in tempo a pubblicarla) è "Ricordi della mia vita", autobiografia dell'atleta trapanese Giovanni Cesare Oddo (anch'egli scomparso nel 2009), considerato da Auci "il più grande uomo di sport che Trapani abbia mai espresso". All'emozionante presentazione del libro, il 27 marzo nel saloncino del CONI di Trapani, c'erano anche - venute da Roma - la figlia di Giovanni Oddo, Nina, la nipote Laura Bastianetto (figlia di Nina), la nuora Marinella Zanetti (moglie di Pino Oddo, scomparso il 3 ottobre del 2011); e da Palermo ci ha raggiunti il nipote Giuseppe Oddo (figlio di Francesco Luigi, l'unico fratello di Giovanni rimasto a Trapani e morto nel 2010). La loro presenza, per la quale ci sentiamo profondamente grati, ha reso quelle ore ancor più intense e preziose. Il libro, edito senza scopo di lucro da Ina Auci per gentile concessione di Nina e Francesco, figli dell'atleta, è stato presentato al pubblico dal giornalista Nicola Rinaudo (direttore del periodico trapanese "Extra", sul quale Auci pubblicò i suoi ultimi articoli, dopo svariati anni di "silenzio" giornalistico); sono intervenuti anche il presidente del comitato provinciale del CONI Salvatore Castelli, Francesco Paolo Maiorana, presidente della sezione "Pio Oddo" dei Veterani dello Sport, il sindaco di Erice Giacomo Tranchida, l'assessore allo sport del Comune di Trapani, Renzo Vento, i familiari di Oddo e di Auci, e Giovanni Basciano, che ha raccontato la storia dell'atletica trapanese. A tutti loro e a chi ha voluto ascoltarli, un grazie dal cuore.

 

«Giovanni Cesare Oddo, venuto al mondo il 20 ottobre del 1913 nel vecchio rione di San Pietro, cuore di Trapani poi straziato, a dieci anni ebbe l’idea di scavare una fossa per i salti in una strada vicina al mattatoio, la “strata porci”: con quel primo balzo cominciò l’avventura dell’atleta che sarebbe diventato, a detta di qualcuno, il più grande uomo di sport nella storia della città. Questo è il racconto della sua vita, scritto da lui medesimo ed affidato alle cure discrete del giornalista Franco Auci, che all’opera si votò fino all’ultimo giorno, dedicandola ai trapanesi. Ormai nessuno dei due, preso commiato già da tre anni e a poche settimane l’uno dall’altro, può sfogliare queste pagine tardive; ma ci lasciano lo spettacolo delle rincorse, dei salti, della terra battuta su quella strada d’infanzia, e la memoria di vite spese per lo sport»... 


Anni '30: sopra, Giovanni Oddo nel campo degli Spalti; sotto, la sua rincorsa per un salto triplo, osservato dall'allenatore Pio Strazzera

 

Concluse le giornate che la sezione trapanese "Pio Oddo" dell'Unione Nazionale Veterani dello Sport ha pensato e organizzato per ricordare Franco Auci a tre anni dalla scomparsa: dopo la messa in cattedrale celebrata da monsignor Adragna (sabato 24 marzo), il 26 marzo le scuole di calcio della città hanno dato vita al torneo "Primi calci" (a cura di Augusto Onorati), con premiazione finale sul campo della "Locomotiva"; il 27 marzo al CONI  si è svolta la premiazione degli studenti vincitori del concorso letterario intitolato al giornalista (leggi i testi premiati) ed è stato assegnato ad Augusto Onorati il premio speciale allo sport. Un grazie che abbraccia tutti, dai "pulcini" agli studenti agli organizzatori!

*** 


TUTTI I LIBRI

 

Con RICORDI DELLA MIA VITA (l'autobiografia di Giovanni Cesare Oddo, curata da Auci e data alle stampe postuma), abbiamo finalmente completato la pubblicazione in rete di tutte le opere di Franco: le potete leggere in questo sito, nella pagina dei LIBRI. Un grazie dal cuore a Lorenzo Gigante per la preziosa collaborazione; a Monsignor Antonino Adragna e a Gennaro Conte per averci gentilmente concesso la pubblicazione on-line, rispettivamente, dei volumi (a cura di Auci) "Juvenilia 1954-2004, 50 anni ...E la storia continua" e "Pia Conticello. Una donna del '900 che si è distinta nel trapanese"; a Nina e Francesco Oddo per l'autobiografia di Giovanni Cesare; a Roberto Stabile, curatore, con Auci, del volume Pattinaggio, che passione!; al CONI di Trapani per L'atletica leggera trapanese dalle origini ai nostri giorni (di Franco Auci e Giovanni Basciano); e a Giuseppe Triolo - il cui papà, Tommaso, era grande amico di Franco - per le cure dedicate alla crescita del nostro sito!

***


'A CHIAZZA

Marzo 2009: un commosso ricordo dell’ex mercato del pesce di Trapani, quasi un addio di Franco Auci alla sua città. Leggilo nella pagina dei Racconti.

 


Cinquantesima assemblea nazionale dei Veterani dello Sport

A Taormina, nel maggio del 2011, ricordato anche Franco Auci.

***



TRAPANI E PRATO...

 

Il 4 settembre il Trapani ha inaugurato il suo campionato in prima divisione battendo il Prato: la curiosità ci ha fatto spulciare il primo volume della Storia scritta da Franco, scovando il nome della squadra toscana già nel settembre 1935 (p. 57), in un'occasione poco gloriosa per l'allora "Juventus Trapani", che ormai in agonia e rinunciando al campionato veniva rimpiazzata proprio dal Prato... Più di vent'anni dopo, nel settembre '58 (p. 145), la nostra squadra, che stavolta si chiama "Trapani" e basta, perde con dignità nella sfida di Coppa Italia contro i toscani, allora in B e allenati da Valcareggi, strappando un 2 a 2 prima di cedere ai supplementari...

***


I RACCONTI DEL CALCIO SICILIANO

 

Leggi gli articoli di Franco Auci pubblicati da "CALCIO SICILIANO", la "RIVISTA MENSILE DEI CAMPIONATI", nel 1976 e '77.

***


ALE' GRANATA

Nella pagina degli Articoli cominciamo una carrellata su alcuni degli articoli storici firmati da Franco Auci per ALE' GRANATA, il periodico del Trapani Calcio - primo giornale del quale sia riuscita a dotarsi una società sportiva locale - da lui fondato con alcuni amici, oltre che diretto nei primi due anni di vita (stagioni 1982-83 e 1983-84). Cronache e racconti sportivi, sempre a caccia di "precedenti"...

***


L'OPERA PIU' IMPORTANTE DI FRANCO AUCI FINALMENTE IN RETE


Leggi  il PRIMO   e il  SECONDO  volume della grande
 
STORIA DEL TRAPANI,

che pubblichiamo nel sito per festeggiare a modo nostro la promozione, raggiunta il 12 giugno 2011, in "prima divisione".

Da p. 303 della prima parte, trovi anche le foto della storica rimpatriata del 2003, "Trapani, amore mio"; e da p. 158 della seconda parte, le foto dei festeggiamenti del '94 per la promozione in C1, anche allora datata 12 giugno!
 
E poi
e
"La storia del Trapani, seconda parte":
le recensioni di Francesco Rinaudo, pubblicate nel 2005 e 2007 sulla rivista "Extra".



***


*** ASTERISCHI ***

Leggi gli "Asterischi", gli articoli della rubrica che Franco Auci curò dalla fine del 2008 alla morte (ed oltre...) sulla rivista trapanese "Extra", diretta da Nicola Rinaudo: l'addio del giornalista alla sua città, amata e odiata, sferzata e vagheggiata fino all'ultimo.

 


II MEMORIAL "FRANCO AUCI", EDIZIONE 2011

guarda le foto

 

 


LO ZIO, IL DAZIO, UNA PIZZA E DIECI FORCHETTE...

Ricordi di Mariangela e Rino, nipoti di Franco.


26 e 27 MARZO 2011, SECONDO ANNIVERSARIO

 

Per una coincidenza che strappa il sorriso, domenica 27 marzo – secondo anniversario della morte di Franco Auci – il Trapani ha vinto in casa 4 a 0 contro il Brindisi: la stessa partita (ma sul campo pugliese) della schedina del Totocalcio in cui figurò per la prima volta la squadra granata, e che apre “Il Trapani in schedina” di Auci, col titolo “Che... Brindisi all’esordio!”. Era il 13 dicembre del 1953; anche il risultato fu molto simile: 5 a 1 per il Trapani...

 

Un caloroso grazie ai “pulcini” delle scuole di calcio – Accademia Sport Trapani, Junior Club Trapani, Trapani Calcio e Kirio Valderice – per il minitorneo cui hanno dato vita, sabato 26 marzo, sui campi della “Locomotiva” di Trapani, alle loro società e al bravissimo organizzatore Augusto Onorati; agli amici dell’UNVS, il presidente Francesco Paolo Maiorana, Piero Frazzitta e Carlo Minaudo, che con trasporto continuano ad alimentare la fiamma del ricordo di Franco; ai membri della commissione del premio letterario, il presidente Peppuccio Passalacqua (che su Franco ha pronunciato parole profondamente amiche e generose), Giuseppe Cassisa, Alberto Criscenti, Piero Frazzitta, Nicola Rinaudo e Giuseppe Rosano; al presidente del CONI Cecè Castelli (cui è stato assegnato il premio speciale allo sport), ai suoi collaboratori, ai giornalisti presenti durante le due giornate; a tutti gli studenti che hanno partecipato al II Premio Letterario “Franco Auci”, ai loro insegnanti che li hanno incoraggiati e seguiti (leggi i testi premiati!); a coloro che domenica 27 marzo, nel salone del CONI di Trapani, hanno speso parole di stima verso Franco; e, infine, un grazie a Monsignor Adragna che, celebrando la messa in suffragio, lo ha ricordato come amico, giornalista, sportivo e cristiano.

 

Ai giovani partecipanti al premio vorremmo ricordare, inoltre, che possono leggere le opere di Franco Auci nelle biblioteche delle loro scuole, cui sono state donate dalla famiglia del giornalista.

 

Aggiungiamo un piccolo auspicio: Franco iniziò a scrivere di sport fin dagli anni in cui frequentava il liceo classico “Leonardo Ximenes” di Trapani; ci piacerebbe, nelle prossime edizioni del premio letterario, poter leggere testi lirici e narrativi scritti dagli studenti di quello storico liceo della nostra città, che vide tra i suoi allievi anche il poeta Tito Marrone, cui alcuni anni or sono una commissione giudicatrice (e lo stesso Auci ne era membro) decise d’intitolare il teatro provinciale di Trapani.  


FEBBRAIO 2011

I libri di Franco Auci donati alla Biblioteca Sportiva della Fondazione Pietro Mennea di Roma. Siamo riconoscenti al grande atleta che li ha accettati e allo storico dello sport Giovanni Bagaglia, generoso "mediatore".  

 


Dicembre 2010

 

A Franco Auci il "Discobolo d'oro"  del Centro Sportivo Italiano

Leggi anche l'articolo di Francesco Rinaudo, pubblicato sulla rivista "Extra"

 

 


MEZZO SECOLO DI CALCIO

Il 30 ottobre del 2010 lo Stadio di Trapani ha compiuto cinquant'anni (quel giorno del '60 nasceva Diego Armando Maradona...): ecco alcune immagini, dalla Storia del Trapani e dall'archivio fotografico di Franco Auci, per festeggiarlo. Leggi anche le pagine dedicate allo stadio dalla rivista Extra, con altre foto dell'archivio ed alcuni articoli scritti da Auci nel '72 e '77.


IN RETE E IN BIBLIOTECA...

I primi libri e tutte le copertine di Franco Aucicon altri testi e immagini dai volumi sull'Entello, sulla Juvenilia, sull'attore e regista Giovanni Malato.

Grazie alle donazioni della famiglia, i libri di Franco Auci si possono leggere anche nella Biblioteca Fardelliana di Trapani e nelle Biblioteche Comunali di Erice e Paceco; nella Biblioteca Diocesana "Giovanni Biagio Amico" del Seminario Vescovile e in quelle dell'Istituto "Serraino Vulpitta" e di quasi tutte le scuole medie superiori di Trapani; nelle biblioteche della facoltà di scienze motorie e del benessere dell'Università degli Studi "Kore" di Enna, del Museo del Calcio di Coverciano, dell'Unione Nazionale Veterani dello Sport di Milano, della Fondazione Pietro Mennea onlus di Roma; nella biblioteca sportiva "San Rocco F.C." (Sanremo); nella biblioteca dell'Associazione di Lettere Arti e Sport "Jò" di Buseto Palizzolo; e, infine, nella biblioteca del CONI di Trapani, la quale ha accolto anche parecchie altre opere di storia dello sport provenienti dall'archivio di Auci (incluse quelle che nel 2007 gli aveva a sua volta donato l'amico e studioso Gianni Bagaglia, già direttore della Biblioteca Sportiva del CONI di Roma e vicepresidente dell'UNVS per il meridione). Un grazie a tutti per questa generosa "ospitalità". 


Leggi, nella pagina Poesie, In morte di Mauro Rostagno: cinque versi scritti da Franco Auci tre giorni dopo l'assassinio, di cui il 26 settembre ricorrerà il ventitreesimo anniversario.

*

 


***

Nella pagina dicono di lui, "testimonianze" di Aristide Zucchinali, Antonino Messina, Renzo Vento, Piero Frazzitta, Rino Cavasino, Francesco Rinaudo, Mariangela Cavasino.


ED ECCO I RICORDI DI UNA PERSONA MOLTO VICINA A FRANCO...

Ricordi...

...di Ina Auci, sorella di Franco

Il suggerimento di questo titolo me l’ha dato una poesia di Franco, “Ricordi...” appunto, dal libro “I campionati studenteschi di corsa campestre e di atletica leggera dal 1951 al 1966”. Quanti ricordi: per lui i palloni, le corse, i salti, i lanci, i podi della giovinezza, per me “ricordi” suoi che mi accompagneranno fino a quando Dio vorrà.

La carta vincente di Franco: l’umiltà, il non mettersi mai in prima fila, non giudicarsi mai protagonista, ma erano sempre gli altri a farlo tale.

Franco se n’è andato in silenzio; ha lasciato la famiglia e gli amici in silenzio; ha lasciato la porta di casa in punta di piedi, com’era nel suo stile, nel suo DNA. Si è comportato così fin da piccolo, non amava farsi elogiare neanche dalla famiglia. Un ricordo mio d’infanzia: con mia madre ero andata a far visita ad una lontana parente, che disse: «Gina, Gina, ma tuo figlio scrive di sport veramente bene, è così giovane e già è conosciuto; ho letto alcuni suoi articoli: ne farà di strada questo ragazzino». Aveva visto lontano quella signora. Mia madre, la sera, quando vide mio fratello, raccontò l’accaduto con un pizzico di delusione (ma in fondo anche tanta soddisfazione) per averlo saputo da altri e non da lui stesso, che replicò: «Mamma, adesso lo sai, contavo di dirtelo quanto prima».

Franco era, come hanno scritto già in tanti, un personaggio semplice, e pian pianino è entrato nel cuore dei trapanesi che leggevano i giornali, che ascoltavano la radio (allora, quando lui cominciò, i principali mezzi d’informazione erano questi). Ricordo che il lunedì mattina, prima di andare a scuola, avvicinava l’orecchio alla radio per non metterla a volume troppo alto e disturbare la famiglia, ed ascoltava esiti, commenti della domenica sportiva, mentre mia madre continuamente gli ripeteva che si faceva tardi per la scuola; e ricordo il sabato sera quando le chiedeva i soldi per andare a fare la schedina (allora la paghetta settimanale non c’era), mia madre glieli dava, anche borbottando, e gli ripeteva: «Tanto tredici non lo farai», ma lui correva, correva pure col temporale per la sua schedina.

Un sabato sera mia madre assolutamente non lo fece uscire, lui piangendo le disse che sicuramente avrebbe fatto tredici, cosa che confermò la domenica sera, sentiti i risultati; ma onestamente se era o non era vero non l’abbiamo mai saputo... Quando mi avvicinavo al suo tavolo vedevo tanti + - + - su quella schedina, dicevo tra me: «ma che fa? » e correvo via, perché quei segnetti non mi piacevano, e lui rideva. Aveva ragione mia madre: il tredici economico non l’ha mai raggiunto, ha raggiunto invece una grande professionalità, lealtà ed etica sportiva. Mi fa piacere ricordare, a proposito della schedina, il suo libro pubblicato nel febbraio 2000, “Il Trapani in schedina”, dove traspare la sua precisione sin dalle prime pagine. Quante ricerche, quanto lavoro, quanta passione in questo libro con tutte le schedine dove compare il suo Trapani, a cominciare dalla prima del Totocalcio, stagione 1953-54, Brindisi-Trapani, in cui i granata riuscirono a vincere addirittura 5 a 1. Che... BRINDISI all’esordio! Inizia proprio così la pagina 13 del libro.


corri in libreria...

Ricordo il suo primo stipendio, quando per il mio onomastico mi regalò un mangiadischi, e la mia gioia nel caricare il disco ed ascoltarlo.

Ricordo le domeniche invernali, quando si doveva pranzare puntuali alle 13, per non mancare all’appuntamento allo stadio, e rientrando salutava frettolosamente, un bacio ai nipotini, un bicchiere d’acqua, un caffè, ed entrava nel suo studio cominciando a scrivere il suo pezzo con la famosa Olivetti. Ricordo ancora quel ticchettio della macchina da scrivere e i miei figlioletti dietro la porta ad origliare, quando lo zio telefonava al giornale dicendo «in partenza da...» (per addebitare la chiamata). Una domenica, origliando come al solito, sentirono questa frase e vennero da me dicendo: «Mamma, mamma, lo zio deve partire, vogliamo partire con lui...». Ricordi...

Franco, purtroppo, non era mai puntuale, faceva aspettare a lungo gli amici che suonavano sotto casa, e a me che gli andavo sempre ripetendo: «Franco, ma il tuo amico è giù da dieci minuti», rispondeva: «Pronto, sono pronto, sto scendendo». Ricordo il giorno del mio matrimonio, fu lui ad accompagnarmi all’altare, perché nostro padre era salito in cielo quando eravamo piccolini: entrammo in chiesa con più di mezzora di ritardo, naturalmente per colpa sua.

Franco era molto religioso, molto disponibile al colloquio leale e sincero, accettava le critiche ma sapeva sempre controbattere, dimostrando a volte anche nel tempo di avere ragione. Se qualcuno lo deludeva, la sua risposta silenziosa era la trascuratezza, l’indifferenza.

Nel dicembre del 2001, le Arti Grafiche Cosentino di Trapani stampavano “Chiarpotto e dintorni”: densa di ricordi la pagina 17, dove Chiarpotto rievoca i suoi anni da giovanissimo militare e calciatore. Questo libro è un omaggio ai giovani trapanesi che hanno amato il calcio e che lo ameranno; nel retro di copertina si legge: «...l’amore per il Calcio (quello con la C maiuscola) che non si diraderà mai». Ricordo la presentazione del volume, il lungo abbraccio tra Chiarpotto e Franco, entrambi emozionati; abbraccio che si prolungò quando, dopo qualche giorno, Chiarpotto venne a casa nostra, e parlavano parlavano, e commossi ricordavano...

Nel 2003 ricordo la famosa rimpatriata di “Trapani amore mio”, dopo che Franco aveva rintracciato tantissimi ex giocatori granata per farli ritornare a Trapani. Lavorò senza posa, a ritmo febbrile, per questa manifestazione, che vide la luce grazie al suo incrollabile entusiasmo e al suo talento di organizzatore: con la voce rotta dall’emozione chiamava ad uno ad uno quei nomi, quei volti, quegli amici... Ricordi, meravigliosi ricordi.


una cartolina per...

 


...Trapani, amore mio

Ricordo che dai suoi numerosissimi viaggi portava a tutta la famiglia tanti regali.

Ricordo che andava sempre lui a parlare con i miei professori di scuola superiore.

E ricordo che tutte le domeniche immancabilmente si presentava a casa con un vassoio di dolci.

Ricordo il bigliettino che, appena alzata, trovavo spesso sul tavolo della cucina: “chiamare Franco”, perchè tante volte si riaddormentava ed io prima di uscire di casa lo chiamavo per l’ennesima volta, lasciando aperta la porta della sua camera.

Ricordo il sabato sera quando uscivo con mio marito: al nostro rientro, anche tardi, lui era sempre seduto al computer, ci aspettava e quando chiudevo la porta di casa sentivo i suoi passi per affacciarsi ed augurarci buona notte. Tante volte gli dicevo di non aspettarci fino a tardi, ma inutilmente; certo lo faceva perché, vedendoci rientrare, si sentiva più tranquillo e avrebbe dormito più serenamente, quasi come un padre che aspetti i figli.

Ricordo le fin troppe telefonate che lo cercavano: ormai gli facevo quasi da segretaria ed appuntavo su tanti pizzini i nomi di chi aveva chiamato. Ricordo le telefonate di Fulvio Castaldi con la sua inconfondibile cadenza: «So’ Fulvio Castaldi, c’è mica Franco?». «Telefonàu nuddu?», era il suo saluto rientrando. Numerosi squilli anche durante il pranzo e la cena, ed io a dirgli: «Almeno per mezzora staccalo». E lui: «No, no, chi mi cerca a quest’ora sa che io sono a casa». «’A casa ’u sìnnacu...», lo sfottevamo. Oggi il telefono è quasi muto, tante volte sono passata vicino all’apparecchio, tante volte ho alzato la cornetta perché mi è venuto il dubbio che il telefono funzionasse...

Franco ha amato tanto la sua Trapani sportiva, i suoi colori granata. Amore esploso nella Storia del Trapani, in due volumi: il primo stampato a marzo 2005, “1905, da quel seme...”.

E il secondo volume stampato a novembre 2006.


il primo volume della Storia del Trapani Calcio


Franco Auci con, da sinistra, Rocco Giacomazzi e Gaetano Sconzo, durante la presentazione


autografo...

 


il pubblico alla presentazione del libro

Ricordo che tutti quelli che aiutavano Franco, anche con una semplice informazione, con  suggerimenti telefonici o consigli, con una foto, un piccolo aiuto al computer e quant’altro, tutte queste persone immancabilmente, con impeccabile stile (forse anche un po’ esagerato), le  ringraziava, ma proprio tutte senza nessuna dimenticanza, in tutti i volumi da lui pubblicati, scusandosi per ogni eventuale inesattezza, o per lacune informative sulle foto più antiche (segnalate con il punto interrogativo).

Ma Franco, oltre alla Trapani sportiva, ha amato per intero la sua città; lo dimostrano tutti gli opuscoli sulla Trapani antica, le foto d’epoca, i vecchi maestri, gli scolari con gli insegnanti (addirittura del 1904, del 1925-26), i luoghi dimenticati della città; l’ultimo suo scritto, dove ha sfogato tutta la sua amarezza, il suo dolore, per avere perduto l’amata chiazza (la piazza del mercato del pesce), un angolo caratteristico della città vecchia, un angolo di vita, di tradizioni, che i giovanissimi oggi sconoscono e dove generazioni di trapanesi hanno venduto e comprato il pesce, dove io stessa da piccola andavo spesso con mia madre a comprare ’u pisci friscu ch’abballa, cull’occhiu vivu vivu... Quel “pezzo” scritto da Franco è un inno alla sua Trapani più amata: non ha fatto in tempo a vederlo pubblicato sulla rivista “Extra”, poco dopo la sua morte.

Di quell’ultimo periodo è da ricordare pure la frase «che città la mia città», quasi ritornello di alcuni articoli in cui denunciava piccole grandi storture trapanesi.

Ricordo che tutto quello che ha scritto Franco era frutto non di una sola ricerca, ma di tante: scavava e scavava, controllava e ricontrollava, e solo dopo essere certo che la notizia era fondata e corretta, scriveva e dava alle stampe. Ecco il suo lavoro certosino e impeccabile, quasi fino alla pedanteria, e se per caso dopo la stampa si accorgeva di qualche errore, allora rimediava persino con il vecchio “errata corrige”... Giustamente il suo amico giornalista Gaetano Sconzo, di Palermo, l’ha definito un autentico topo di biblioteca.

Penso allora che continuare il lavoro di Franco sarà un’impresa assai impegnativa, una strada tutta in salita.

Il 27 marzo 2010, grazie agli amici e alle autorità, gli veniva intitolata la sala stampa dello stadio provinciale di Trapani: meraviglioso ricordo per tutti noi che abbiamo assistito, e preziosa memoria, speriamo, per gli altri che verranno.

Termino questi miei “ricordi” con un pensiero che Franco amava ripetere, come un invito, sulla copertina di molti dei suoi libri: «Giovani e meno giovani, ma sempre giovani, stringetevi in un interminabile abbraccio ideale, voi tutti che avete fatto Sport e che comunque l’avete onorato!».

 

Ina Auci, estate 2010


Una quarta elementare del 1904

Da I nostri maestri 4.


...E una prima elementare degli anni '20

La bambina con la bandiera è Gina Tartamella, che sarà mamma di Franco Auci... Da I nostri maestri 1.


Un grazie dal cuore per la collaborazione

  a Tuccio Cosentino, amico e tipografo "storico" di Franco; e a Lorenzo Gigante, anche per l'ospitalità nel sito www.trapaninostra.it


anni '60

Olivetti lettera 22...


27 marzo 2010

 

L'intera giornata di sabato 27 marzo 2010, ad un anno dalla morte, e' trascorsa nel ricordo di Franco: la messa mattutina in suffragio e' stata celebrata in cattedrale da monsignor Antonino Adragna, presidente emerito della Juvenilia (societa' cui e' dedicato uno dei volumi della collana "Per non dimenticare", scritto nel cinquantesimo anniversario della fondazione); il CONI ha ospitato, subito dopo, la premiazione del primo concorso letterario "Franco Auci", per racconti e poesie di studenti delle scuole superiori trapanesi ed ericine, organizzato dalla sezione "Pio Oddo" dei Veterani dello Sport (di cui Franco era stato tra i fondatori, e segretario), alla presenza del presidente nazionale Gian Paolo Bertoni; infine di pomeriggio, allo stadio provinciale, quattro squadre della categoria pulcini hanno dato vita a un minitorneo di calcio, seguito dall'evento che ha coronato l'anniversario: l'intitolazione a Franco Auci della sala stampa dello stadio. 

    Un grazie dal cuore, naturalmente, a coloro che hanno reso possibile tutto questo: monsignor Adragna, che ha saputo sposare la meditazione della fede e la forza dell'amicizia, il CONI trapanese (col suo presidente Salvatore Castelli), il Panathlon International Club,  i Veterani tutti (col presidente nazionale, e il nuovo presidente provinciale Francesco Paolo Maiorana) per questa prima edizione del premio e del torneo di calcio, il Prefetto Stefano Trotta e la Provincia Regionale per l'intitolazione della sala stampa (il presidente del consiglio provinciale Peppe Poma, che l'ha proposta, e quanti con lui - consiglieri, assessori, presidente della Provincia - l'hanno portata a compimento). 

    Un grazie speciale a chiunque abbia partecipato, anche solo con la muta, semplice ma avvertibile presenza, agli sportivi (e allo storico attaccante del Trapani Aristide Zucchinali, che ha inviato una lettera da Bergamo, letta dinanzi alla targa della sala stampa), ai giornalisti che hanno divulgato prima e dopo il senso di questa toccante giornata, agli adolescenti e "pulcini" che, scrivendo o calciando, magari senza avere mai conosciuto Franco, hanno coltivato e diffuso i valori in cui credeva.


La copertina del numero di marzo-aprile 2010 della rivista EXTRA

 

Nella pagina dicono di lui ospitiamo il numero speciale dedicato a Franco Auci dalla rivista trapanese EXTRA nell'aprile del 2009, ed alcuni articoli pubblicati sui numeri di marzo-aprile e maggio-giugno del 2010.

Un grazie al direttore Nicola Rinaudo e a coloro che hanno firmato quelle pagine.


Sala Stampa "Franco Auci"

 

"Franco Auci - si legge in una nota della Provincia sulla decisione d'intitolargli la Sala Stampa dello Stadio Polisportivo di Trapani - ha vissuto la sua intera esistenza da leale uomo di sport lasciandoci un'eredita' fatta d'impegno diuturno e costante, di servizio reso nell'esclusivo interesse della crescita della citta' di Trapani, ma anche dell'intera Provincia. In particolare - prosegue il comunicato - ha raccontato il mondo calcistico della nostra provincia, compreso quello dilettantistico e giovanile. Lo ha fatto attraverso numerose pubblicazioni che costituiscono fonte preziosa e inesauribile di notizie che hanno concorso a scrivere la storia, non solo tecnica ma anche umana, del calcio nostrano."